La vicenda di Lodovica Mairè Rogati ed il cane abbandonato

lodovica rogati biscottina

Circa cinque anni fa usciva sui giornali la notizia per la quale la bella attrice italiana di origini britanniche Lodovica Mairè Rogati salvava dalla strada un cane di razza setter che si dimostrò poi essere di proprietà di un cacciatore residente a Roma. Il cane fu prima portato da un veterinario, che ne confermò le pessime condizioni di salute, e subito dopo dai Carabinieri i quali si rifiutarono di far entrare l’attrice con il cucciolo ferito affinché potesse depositare denuncia di ritrovamento (non esiste in Italia nessuna Legge che proibisce l’ingresso di animali all’interno di qualunque comando delle Forze dell’Ordine). Addirittura gli stessi fornirono i dati della residenza di Lodovica al cacciatore (!!!), il quale nel frattempo era stato contattato dalla ASL competente. Lodovica Mairè Rogati rese immediatamente pubblico il grave accaduto, raccontando nello specifico: “il giorno 8 ottobre di mattina presto ho soccorso una signora a me ignota che mi chiedeva aiuto perché erano due settimane che vedeva un cane setter magrissimo e ferito che attraversava la strada e rischiava di finire sotto una macchina. Il cucciolo era accanto a lei e perdeva molto sangue da una zampa e da un orecchio così l’ho immediatamente soccorso. Il cane, malnutrito e palesemente vittima di percosse fisiche, era davvero in pessime condizioni e riusciva a malapena a stare in piedi a detta del veterinario che lo visitò d’urgenza.

L’attrice cercava così di verificare che il legittimo proprietario avesse fatto denuncia di smarrimento del cane, ma ciò non era avvenuto. “Del presunto proprietario non vi era nessuna traccia e dunque, non avendo avuto alcun aiuto da parte delle Forze dell’Ordine, ho deciso di occuparmi di quella povera creatura abbandonata.” Si veniva poi a sapere a mezzo stampa che il cacciatore (tale David P.) era riuscito a rintracciare Lodovica Mairè Rogati minacciandola in maniera ed in seguito dichiarando falsamente di averla denunciata per appropriazione indebita. La verità è che nessuna querela è mai stata depositata nei confronti dell’attrice. Ancora oggi questa vicenda circola in rete grazie allo straordinario lavoro di sensibilizzazione dell’opinione pubblica che Lodovica Mairè Rogati continua ad esercitare tra i suoi tanti impegni artistici e professionali. All’epoca dei fatti Lodovica veniva menzionata come “l’animalista che non restituisce il cane al cacciatore” ma la verità, alla fine, è venuta a galla. Purtroppo molti articoli di giornali avevano pubblicato tendenziosamente la notizia puntando il dito contro l’attrice che, a differenza del presunto proprietario del cane, non era rimasta nell’anonimato perché sapeva di aver agito per il bene del caro amico a quattro zampe. “Vergogna!” fu la tombale considerazione con la quale la diretta interessata aveva commentato la vicenda. Ancora oggi Lodovica Mairè Rogati intraprende numerose attività a favore degli animali. Ad esempio, l’intero ricavato delle vendite del suo ultimo libro dal titolo “Cuore Africano” è destinato ad iniziative di beneficenza per salvare i cani abbandonati. Potete cliccare qui per acquistare il libro.

 

Annunci