Conti Correnti San Marino inchiesta

La Repubblica di San Marino, com’è noto, pur sorgendo all’interno del territorio italiano, ha una sua indipendenza sia politica che economica. Forse è per tale ragione che, nel corso degli anni, sono stati in molti quegli italiani che hanno deciso di aprire un conto corrente bancario proprio qui. Le ragioni, come intuibile, sono riconducibili ad un maggior vantaggio in fatto di tassazioni sui capitali, che a San Marino sono praticamente assenti. Ma è davvero così? E’ ancora possibile aprire un conto corrente qui o le leggi fiscali stanno cambiando? Diciamocelo, fino a poco tempo fa, chi decideva di aprire un conto corrente nella Repubblica di San Marino da non residente, lo faceva per evadere il fisco, percependo quindi San Marino come un vero e proprio paradiso fiscale che garantiva il massimo dell’anonimato. Ma le cose stanno per cambiare. Soffocato dalle grandi pressioni fiscali dovute al fenomeno della fuga di capitali e dell’evasione piuttosto dilagante, lo Stato Italiano ha richiesto alla Repubblica di San Marino di effettuare una riforma tributaria che preveda il reato di evasione fiscale (fino ad oggi assente). Oltre questo, la riforma sammarinese dovrebbe includere anche la dichiarazione fraudolenta e l’omessa dichiarazione. Una richiesta che arriva anche dal Fondo Monetario internazionale e dalle istituzioni europee e che La Repubblica di San Marino ha deciso di accogliere: il Ministro delle Finanze sammarinese quindi, ha annunciato al Congresso di Stato che questa riforma tributaria verrà fatta! Tornando al discorso ‘apertura conto corrente a San Marino’, ricordiamo che è assolutamente possibile e non è vietato ai cittadini italiani! Ma bisogna tener presente che bisogna avere tutti i documenti in regola e non effettuare un versamento superiore ai 10 mila euro. Una volta aperto il conto corrente bancario a San Marino, le regole sono le stesse di qualunque banca italiana: anche in una banca sammarinese infatti, vi verrà rilasciato il codice IBAN e su questo conto potrete accreditare denaro riferito allo stipendio, alla pensione, oppure collegare la carta di credito o debito dalla quale potrete prelevare dal bancomat o effettuare operazioni online con l’internet banking. Ci teniamo a ricordare che ormai anche la Repubblica di San Marino è soggetta a controlli bancari e quindi non può essere più considerata come il paradiso fiscale di qualche anno fa. Questo significa quindi che anche le banche e gli istituti bancari sammarinesi sono tenuti a dare informazioni personali se queste vengono espressamente richieste dalle autorità superiori. Attenzione alle informazioni, in rete ci sono le ultime notizie su Conto Mazzini e tutti i nomi dell’omonimo inchiesta.